Ernia del disco

“Ernia del disco?
Non sempre l’intervento è necessario”

Dott. Gilberto Pari (Antalgologo) Dott. Giuseppe Maida (Neurochirurgo)
Dott. Alessandro Agostini (Fisioterapista)

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=FqnrkOiXvhc&index=6&list=PLRfnpZBnM3K1dGBpwsh0bUOugh0BHhCEu[/embedyt]

 

Cos’è l’ernia del disco?

Con ernia del disco si definisce una protrusione del nucleo polposo del disco intervertebrale attraverso l’anello fibroso che normalmente lo contiene a causa di una degenerazione dello stesso.
Tale protrusione avviene in direzione posteriore o postero laterale in direzione della radici spinali.
L’infiammazione delle radici può essere legata o alla compressione meccanica da parte del disco o per infiammazione reattiva del materiale discale.

 

ernia-disco Ernia del disco

Cause

Le cause possono essere traumatiche o spontanee: queste ultime o legate ad una lassità discale congenita o più frequentemente a sollecitazioni meccaniche ripetute in un contesto di alterata stabilità muscolare.

Sintomi

Il dolore spesso segue il decorso delle radici nervose coinvolte e può presentarsi in modo improvviso oppure insidioso.
Peggiora con il movimento, i colpi di tosse e spingendo come per andar di corpo.
Vi possono essere intorpidimento, bruciore, formicolii e riduzione della sensibilità nelle zone dolorose.
I riflessi possono risultare attenuati ed anche la muscolatura innervata da tali nervi può risultare deficitaria.

Terapia

La terapia per certi versi è simile a quella della lombalgia di cui è una possibile causa.
La particolarità sta nel fatto che, essendo una causa specifica di lombalgia, è stato delineato un percorso terapeutico più univoco: in prima battuta una terapia cortisonica per os integrata da terapia oppioide ad orari fissi e chinesiterapia. In seconda battuta una terapia infiltrativa selettiva eco guidata o radioguidata a livello peridurale o foraminale con cortisonici e/o ozono. In terza battuta decompressione discale meccanica e con ozono.
La terapia chirurgica di erniectomia viene riservata a quei casi in cui l’approccio prima delineato non è efficace o in casi di peggioramento rapido dei sintomi neurologici (perdita di forza o anestesia a livello perineale).

Approfondimento

Non hai trovato tutte le risposte ai tuoi dubbi?
Contatta la Segreteria o Prenota direttamente una visita online con uno degli specialisti dell’equipe di Medicina del Dolore nella sede più vicina a te!