Psicoterapia

La collaborazione dello psicologo alla fase terapeutica prevede percorsi differenziati per ogni paziente; quando vi è la presenza di un distretto con dolore da tensione muscolare si sono rivelate utili tecniche di rilassamento psico-corporee (come il Training Autogeno di Schultz) che permettono uno scioglimento della tensione a livello muscolare ed allo stesso tempo riducono effetti suggestivi favorendo una maggiore presa di coscienza della tensione psicologica che si trasmette a livello corporeo.

Quando invece vi è la presenza di una sofferenza profonda del paziente, che si manifesta con sintomatologia depressiva, ansiosa, o sintomi psicosomatici, sia essa antecedente o successiva all’emergere della malattia dolore, è importante che il paziente intraprenda un percorso psicoterapeutico, che può variare da un percorso breve di supporto psicologico nel momento di crisi, alla decisione di intraprendere un percorso più profondo per rivedere alcune modalità di gestione emotiva della malattia.

Durante il processo diagnostico/terapeutico, sia in regime ambulatoriale che di ricovero, può essere richiesta la consulenza specialistica dello psicologo in quanto la malattia dolore comporta delle limitazioni dal punto di vista fisico, relazionale, sociale o lavorativo che spesso si accompagnano ad una sofferenza psicologica che è necessario valutare e di cui prendersi cura.

La consulenza psicologica fa parte del percorso diagnostico di ogni paziente con dolore persistente e cronico perché permette di definire più chiaramente l’esperienza e l’impatto del dolore sulla qualità di vita, seguire l’andamento della malattia-dolore nel tempo e registrare l’efficacia dei trattamenti.

Paziente e psicologo si incontrano per uno o più colloqui individuali, in cui al paziente può essere chiesto di compilare alcuni questionari che saranno poi discussi insieme.

In fase terapeutica può essere concordato tra l’equipe ed il paziente un percorso psicologico integrato con le cure mediche del caso, che può consistere in colloqui di sostegno psicologico, tecniche di rilassamento psicocorporeo che facilitino la distensione muscolare, o una psicoterapia che si occupi della sofferenza psicologica che spesso si accompagna alla malattia dolore, come ansia e depressione.